Quanto guadagna FaviJ? Stima dei ricavi di uno youtuber di successo

Favij è, ormai da alcuni anni, lo youtuber più seguito in Italia. Il suo canale registrava a dicembre del 2020, secondo le ultime e più aggiornate classifiche, l’incredibile numero di 6 milioni di iscritti. All’estero questi numeri impallidiscono di fronte a colossi internazionali come PewDiePie (che con i suoi 108 milioni di iscritti è lo youtuber più seguito del globo) o il quintetto dei Dude Perfect (che vantano 54,5 milioni di iscritti al loro canale), ma in Italia questi sono numeri davvero da capogiro. Abbiamo già parlato di cifre interessanti con i 5 milioni di iscritti dei Me Contro Te, ma con Favij saliamo ancora.

Sono numeri che possono generare entrate economiche da far tremare le gambe, anche se stiamo parlando di ragazzi e ragazze che fanno video divertenti e non di CEO di grandi aziende. Alla faccia di chi ancora nutre qualche dubbio sulle potenzialità delle nuove professioni digitali! Ma facciamo qualche passo indietro. Che cosa significa fare lo youtuber? Chi è questo Favij? E soprattutto… Quanto guadagna Favij? Cerchiamo di rispondere insieme a tutte queste domande: prosegui con la lettura!

Chi è Favij?

Favij

“Favij” è il nickname di Lorenzo Ostuni, classe 1995. Ora Lorenzo ha 25 anni e non è più propriamente un ragazzino, ma la sua carriera da youtuber ha avuto inizio nel 2011, quando aveva solo 16 anni: poco più che un bimbo!

Favij inizia a caricare su YouTube video di gameplay (cioè video in cui una persona mostra se stessa mentre gioca a vari videogiochi) con il supporto di alcuni amici, ma già l’anno successivo decide di mettersi in proprio e di dare vita al suo ormai celeberrimo canale: FavijTv. Da lì, il boom. Grazie a un mix vincente di novità, freschezza, simpatia e talento, il suo canale raggiunge in poco tempo il primo milione di iscritti. Nel 2014 ottiene il Gold Creator Award e nel 2015 approda al cinema, con la pellicola Game Therapy, in cui sono presenti i migliori youtuber d’Italia.

Quanto il sedicenne e lungimirante Favij ha iniziato a creare i suoi primi video di gameplay, YouTube aveva appena compiuto 6 anni. Felix “PewDiePie” Kjellberg, lo youtuber oggi più seguito al mondo con 108 milioni di subscriber, aveva da poco aperto il suo canale. Insomma: Favij ci aveva visto lungo ed è diventato il pioniere di un genere di video che al tempo in Italia era ancora poco noto.

Cosa significa fare lo youtuber? Come si guadagna con YouTube?

La definizione di “youtuber” ce la dà addirittura il vocabolario Treccani: “Persona, di solito giovane, iscritta alla comunità del sito di condivisione YouTube, che carica video originali”. Ed è un’ottima definizione! Gli youtuber sono creatori di contenuti video (e non solo). Hanno il loro canale personale su YouTube, dove caricano i video, interagiscono con la loro community e sfornano ogni giorno nuove idee o contenuti per intrattenere il pubblico.

Di che cosa parlano i loro video? Beh… Di tutto! Ogni youtuber ha la sua specialità: c’è chi parla di videogiochi, chi di cucina, chi fa scherzi, chi viaggia per il mondo, chi parla di make-up e chi più ne ha, più ne metta. L’importante è essere creativi e saper intrattenere i propri subscriber.

Più un canale YouTube è seguito, più è probabile che lo youtuber che lo gestisce possa guadagnarci dei soldi. Come? Tramite la pubblicità, gli abbonamenti e le interazioni degli iscritti, le collaborazioni con i brand, i tour e la vendita di eventuali gadget/accessori. La presenza o meno di agenzie di talenti alle spalle dei vari youtuber può poi incidere molto sulle opportunità di guadagno: essere seguiti da professionisti del marketing e delle public relation aiuta. E se te lo stai chiedendo, sì: Favij è seguito da un’agenzia, la Webstars Channel.

Ovviamente, gli youtuber più famosi sono anche molto seguiti su Instagram e Facebook: il guadagno può provenire anche da questi canali “secondari”.

Quanto guadagna Favij

Stipendio

Veniamo alla fatidica domanda: “Quanto guadagna Favij?“. I pareri sono discordanti: ovviamente, non esiste una fonte certa e affidabile che possa svelarci con esattezza gli introiti di Favij, né lo youtuber ha mai rilasciato dichiarazioni trasparenti e chiare sui suoi effettivi guadagni mensili (e non è neanche tenuto a farlo, non siamo il Fisco).

Possiamo fare però una stima approssimativa: unendo le dichiarazioni di varie fonti, si può intuire che Favij guadagni tra i 20 mila e i 50 mila euro al mese. Solo, attenzione, da YouTube: quindi, in questa stima non vengono contati gli introiti esterni alla piattaforma, come tour, collaborazioni, eventi, gadget e diritti.

“Posso dire che guadagno molto meno di Chiara Ferragni” ha dichiarato Favij a Repubblica in un’intervista a Repubblica. “Sì, contano la quantità di clic, le sponsorizzazioni, e poi ci sono gli eventi. Ma si tratta di entrate variabili, dipende dai mesi”. Nel suo video “Quanto GUADAGNO e quanto SPENDO” pubblicato nell’agosto del 2019, lo youtuber fa un’affermazione interessante: “Non sono Berlusconi, 8 ville non me le posso comprare. Però, non sono neanche l’ultimo degli s*****i, i vestiti firmati potrei permettermeli. Ma sono tirchio, non mi piace spendere. Non mi piace apparire, né spendere i soldi per cose stupide”.

Quindi, Favij è un accumulatore parsimonioso. All’inizio della sua carriera come youtuber già aveva intuito che il web è un mondo incerto e mutevole: un tempo YouTube pagava 1 € ogni 1000 visualizzazioni, oggi paga 0,25 centesimi. “Cinque volte in meno di quanto prendevo una volta!”, esclama Favij nel suo video.

La ricchezza degli youtuber e dei creatori di contenuti digitali non è stabile o garantita: un giorno esiste, il giorno dopo può non esistere più. In questo settore tanto affascinante quanto rischioso, Favij ha scelto una strada estremamente saggia e lungimirante, soprattutto per un ragazzo della sua età: quella del risparmio.

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

SI NO